Cerca in

Mal di mare… e di terra!

http://www.cruisefriend.com/media/reviews/photos/thumbnail/800x400c/28/e1/b1/mal-di-mare-e-di-terra-95-1401792485.jpg

 È conosciuto come mal di mare, ma anche come mal d'auto o, se indotto dal trasporto aereo, mal d'aria. Si tratta di un disturbo di tipo neurologico, ed è come se il cervello ricevesse un insieme d'informazioni contrastanti.

Nella maggior parte dei casi, i sintomi migliorano quando il corpo si adatta alle condizioni che causano il problema: ad esempio, se il disturbo si presenta durante un soggiorno su una nave da crociera, il malessere può svanire entro un paio di giorni. Tutti possono potenzialmente soffrire del disturbo, ma alcuni soggetti sono più suscettibili rispetto ad altri.

A chi ne è soggetto si può consigliare di prendere qualche precauzione: per esempio scegliere una crociera che navighi solo di notte, oppure prenotare una cabina con finestra, poiché il malessere porta a nausea e alla mancanza d'aria: una cabina interna potrebbe quindi accentuare il disagio; altri rimedi validi sono le pillole, i cerotti ed i braccialetti antinausea che agiscono secondo il principio della digitopressione.

I trattamenti per il mal di viaggio possono variare da semplici consigli per l'auto-gestione sino alla terapia farmacologica. I sintomi lievi, in genere, possono essere migliorati con alcuni comportamenti facilmente adottabili, come fissare un punto all’orizzonte o distrarsi ascoltando della musica. Da non trascurare l’importanza dell’alimentazione, che può aiutare a stare bene: a questo scopo si consiglia di mangiare e bere poco ma spesso, preferendo alimenti salati che sviluppano una reazione basica (come crackers salati e non aromatizzati ed acciughe): ecco perché i marinai di un tempo usavano una sarda sotto sale come rimedio!

Può sembrare paradossale ma esiste anche il disturbo opposto al malessere da viaggio: è il cosiddetto mal di terra, noto anche come “mal de débarquement” (MDD), un tipo di vertigine e di squilibrio, un senso di continuo oscillamento che colpisce soprattutto chi è stato a lungo in mare, in crociera o su un traghetto. Si avverte al momento dello sbarco sulla terraferma, quando si sviluppa una sensazione di dondolio e continua la sensazione di camminare sul ponte di una nave col mare grosso. Qualche secondo di questa impressione è normale, c’è però chi per giorni o perfino per settimane continua ad avvertirla: in questi casi, il medico può prescrivere farmaci o esercizi per la riabilitazione vestibolare.

 Anche in questo caso c’è chi è maggiormente predisposto verso questo disturbo: è possibile, infatti, che il mal di terra possa essere in qualche modo correlato agli ormoni sessuali, come estrogeni o progesterone. Al momento dello sbarco sulla terraferma c’è una fase di riadattamento del corpo umano con una iperproduzione di acidi gastrici che una alimentazione corretta può abbassare. Si suggerisce quindi di bandire i fritti, il cioccolato, il latte e il caffè, mentre conviene limitare in particolare pancetta, panna, burro, dolci, alcolici e, con le eccezioni di prosciutto crudo e parmigiano, salumi e formaggi.

A stomaco vuoto bisogna evitare agrumi e di bere molti liquidi; ricercare quindi la via di mezzo tra il digiunare ed il mangiare troppo. Non aiutano nemmeno fumare, respirare odore di gasolio o di gas di scarico, restare all’interno della nave, restare seduti per troppo tempo, leggere, scrivere e utilizzare un computer. Per quanto possibile cercate di non superare mai i sintomi di allarme (sbadigli, sonnolenza, salivazione, pallore, sudorazione, emicrania, nausea) perché poi sopraggiungerebbero vomito, vertigini, apatie e spossatezza.

 

Vedi anche:

S.O.S. a bordo

Cosa mettere in valigia?

CruiseSuggest

  • I rimedi sono molti: cerotti, braccialetti, gomme da masticare e farmaci, anche se le pillole sono efficaci ma danno sonnolenza; i cerotti a lento rilascio sono efficaci ma vanno applicati almeno 3 ore prima di imbarcarsi. Sono poco efficaci se applicati con sintomi già presenti ma possono provocare un benefico effetto placebo.
  • Gli individui che sperimentano mal di terra in genere presentano disturbi a carico dell'equilibrio e, chi ne soffre, spesso sceglie di viaggiare meno per evitare le esposizioni al movimento.
  • In ogni caso non preoccupatevi. Che abbiate mal di mare o di terra, non siete in pericolo!

Commenti

To write a review please register or
Confermo! Io pure non ho avvertito nessun malessere, fortunato? Mha... per poco mi perdevo il momento della partenza tanto non si percepiva il movimento della nave!
Romano Commentato da Romano , 15 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni (1)

Confermo! Io pure non ho avvertito nessun malessere, fortunato? Mha... per poco mi perdevo il momento della partenza tanto non si percepiva il movimento della nave!

Trovi utile questa opinione? 
Ma davvero si può soffrire il mal di mare sulle grandi navi? Io ho navigato anche con mare mosso e francamente non si sente niente! Penso ci voglia un mare in tempesta per avvertire qualcosa, altrimenti a mio parere è tutta suggestione.
allegra Commentato da allegra , 14 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni (9)

Ma davvero si può soffrire il mal di mare sulle grandi navi? Io ho navigato anche con mare mosso e francamente non si sente niente! Penso ci voglia un mare in tempesta per avvertire qualcosa, altrimenti a mio parere è tutta suggestione.

Trovi utile questa opinione? 
Per fortuna non ho di questi problemi. Ma da quanto visto con amici i braccialetti sembrano più che altro delle induzioni mentali. Anche nel mal di macchina il problema è dovuto principalmente al liquido dentro gli ossicini dell'orecchio, quelli che danno il senso dell'equilibrio. Questo liquido viene mosso quando l'occhio non vede motivazioni, per cui il cervello non sa aiutare l'organismo a reagire. Ecco perché stare davanti in macchina guardare la strada aiuta a soffrire meno l'auto :)

Per fortuna non ho di questi problemi. Ma da quanto visto con amici i braccialetti sembrano più che altro delle induzioni mentali. Anche nel mal di macchina il problema è dovuto principalmente al liquido dentro gli ossicini dell'orecchio, quelli che danno il senso dell'equilibrio. Questo liquido viene mosso quando l'occhio non vede motivazioni, per cui il cervello non sa aiutare l'organismo a reagire. Ecco perché stare davanti in macchina guardare la strada aiuta a soffrire meno l'auto :)

Trovi utile questa opinione? 
@rea giordano davvero esperta! non so se complimentarmi o dispiacermi per te... :-D comunque grazie dei consigli
aledema Commentato da aledema , 06 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni (27)

@rea giordano davvero esperta! non so se complimentarmi o dispiacermi per te... :-D comunque grazie dei consigli

Trovi utile questa opinione? 
Aledema condivido la tua opinione sui braccialetti: se stai davvero male servono a poco...invece aiutano se hai un leggero malessere. Io sono un'amante dal mare dallo stomaco sensibile e posso giurare una cosa: succhiare un po' di zenzero aiuta,come le travelgum del resto, ma per chi è proprio ko il meglio è la scopolamina sotto forma di cerotto!
ReaGiordano Commentato da ReaGiordano , 04 Giugno, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni (4)

Aledema condivido la tua opinione sui braccialetti: se stai davvero male servono a poco...invece aiutano se hai un leggero malessere. Io sono un'amante dal mare dallo stomaco sensibile e posso giurare una cosa: succhiare un po' di zenzero aiuta,come le travelgum del resto, ma per chi è proprio ko il meglio è la scopolamina sotto forma di cerotto!

Trovi utile questa opinione? 
To write a review please register or
 
Leggi tutti i commenti
 

Hai una domanda?

Cruisefriend ti mette a disposizione un forum di discussione dedicato. Non sei mai stato in crociera? Hai dei dubbi? Chiedi agli altri utenti di Cruisefriend!


×