Cerca in

Zara: un unicum architettonico in Croazia

http://www.cruisefriend.com/media/reviews/photos/thumbnail/800x400c/9d/c0/d7/zara-un-unicum-architettonico-in-croazia-36-1455881278.jpg

Con più di 3.000 anni di storia, Zara è una delle maggiori città di interesse storico e culturale della Croazia. Questa vivace città, scenograficamente adagiata sulle rive dell'Adriatico e protetta dall'isola di Ugliano vi regalerà una full immersion tra luoghi di rilevanza architettonica e vedute paesaggistiche uniche.

Zara, sorta come colonia dei Liburni con il nome di Jader, ha cambiato più volte il suo nome nel tempo in base a alla lingua del popolo che la dominava. Fu Idassa con i Greci, Jadera sotto i Romani, Zara durante il dominio veneziano e, infine, Zadar. La sua posizione strategica l'ha resa nel corso del tempo un avamposto assai desiderabile da molti. Fu prima municipio romano, poi dominio bizantino, e quindi veneziano. Governata dall'Impero Asburgico (dal 1797) e dai francesi (1808-1813) ritornò poi in mano austriache.

 

La mirabolante varietà dei domini cui è stata sottomessa ha reso Zara un unicum architettonico in Croazia. Assolutamente da non perdere una passeggiata lungo la Calle Larga, via principale e più nota della città così come una puntatina a Piazza del Popolo, conosciuta nel Medioevo come Platea Magna, sulla quale si affacciano la Loggia cittadina, la chiesetta di San Lorenzo e il Corpo di guardia.

 

Per poter affermare di essere stati veramente a Zara è indispensabile provare il trasporto in barca da una sponda all'altra del porto. Attenzione, non un trasporto in barca qualunque, ma il servizio offerto dai famosi "barcaioli". I barcaioli di Zara costituiscono un simbolo storico della città perchè grazie al loro lavoro, con qualsiasi condizione atmosferica, si risparmia ben un quarto d'ora per raggiungere il centro città.

CruiseSuggest

  • La città di Zara possiede ben quattro santi patroni: San Grisogono, San Simeone, Santa Anastasia e San Zolio.
  • La leggenda narra che Sant'Anastasia fosse una patrizia romana rinchiusa in casa dal marito che voleva restasse vergine. In seguito alla morte del marito accompagnò San Grisogono ad Aquileia dove assistì al martirio di quest'ultimo. Morì bruciata sul rogo e le sue reliquie finirono a Costantinopoli per poi essere riconsegnate dall'imperatore Niceforo al vescovo di Zara nel 804 in segno di riconciliazione tra le due città
  • Piazza dei cinque pozzi sorse per far fronte al bisogno di acqua potabile in caso di assedio da parte dei Turchi che vantavano mire di conquista sulla città

Commenti

Non ci sono ancora commenti. Perchè non lo fai per primo?

To write a review please register or
 

Hai una domanda?

Cruisefriend ti mette a disposizione un forum di discussione dedicato. Non sei mai stato in crociera? Hai dei dubbi? Chiedi agli altri utenti di Cruisefriend!


×